Esportatore Autorizzato

Esportatore Autorizzato

sportatore Autorizzato
Chi è l’esportatore autorizzato?
L’esportatore autorizzato è il soggetto giuridico che ha ottenuto lo STATUS dall’Ufficio delle dogane di appartenenza territoriale e dichiara direttamente in fattura l’origine preferenziale dei prodotti.
L’autorizzazione ad apporre la dichiarazione di origine preferenziale direttamente in fattura “Esportatore Autorizzato” permette, inoltre, alla Vostra società:
- di eliminare l’emissione del certificato di circolazione Eur1 (risparmiando nei tempi e nei costi) evitando in tale maniera di incorrere nelle disposizioni dell’Agenzia delle Dogane Circolare n. 11 D prot. 39851 del 28.04.2010.
In tale circolare si dispone che la presentazione della domanda di rilascio dell’Eur1 in dogana, completa di tutte le informazioni e dei documenti dovuti, deve avvenire almeno dieci giorni antecedenti la presunta data di presentazione della dichiarazione doganale.
Produce inoltre una serie di benefici collaterali quali:

  1. la miglior conoscenza della posizione preferenziale dei propri prodotti e la comprensione delle norme che regolano i trattati di cooperazione economica;
  2. l’abbattimento del costo del rilascio del documento EUR1 o ATR non necessitando più la loro emissione;
  3. la speditezza delle operazioni doganali (il dichiarante non deve più controllare se la dichiarazione di origine preferenziale sia stata effettuata regolarmente e, qualora mancasse, richiederla per le vie brevi con i conseguenti ritardi nelle operazioni;
  4. l'impossibilità del rilascio di un modello EUR 1 senza che sia stato espressamente richiesto con le conseguenze del caso.

La richiesta di autorizzazione deve essere accompagnata dalla documentazione che attesta l’origine preferenziale dei prodotti, delle materie prime acquistate in Italia ed in EU. Senza tale documentazione non può essere riconosciuta la preferenzialità dei prodotti in esportazione.
L’origine preferenziale non deve essere confusa con l’origine non preferenziale.
La differenza consiste nel fatto che l’origine:
non preferenziale è quella acquisita dai prodotti dove hanno subito l’ultima sostanziale trasformazione; anche se nella loro fabbricazione siano state utilizzate materie prime non UE (l’origine che viene documentata con il certificato di origine rilasciato dalla CCIAA)
• preferenziale è quella acquisita in base alle disposizioni previste dagli accordi sottoscritti dalla UE con i paesi terzi che hanno concluso un accordo di associazione e che consente di ottenere, nel paese di destino, l’abbattimento parziale o totale dei dazi all’importazione.

Ultime News

CONTROLLI SUL MATERIALE DA IMBALLAGGIO IN LEGNO PROVENIENTE DA BIELORUSSIA, CINA, CINA, INDIA

Con il Reg.to di esecuzione UE n. 288 del 18 gennaio 2024, GUUE L19 gennaio 2024, la Commissione UE (siglato Ursula Von Der Leyen), ha stabilito di mantenere la frequenza dei controlli fitosanitari sugli imballaggi di legno utilizzati per sostenere, proteggere o trasportare i prodotti, la cui NC è...

MANTENIMENTO DEGLI STANDARD PRATICI DI COMPETENZA PER RQD AI FINI AEO

MANTENIMENTO DEGLI STANDARD PRATICI DI COMPETENZA PER RQD AI FINI AEO

Con la Circolare n. 6 del 14 febbraio 2024, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (siglata Arturo Olivieri) specifica che l’attività formativa di aggiornamento degli standard pratici di competenza è obbligatoria (art. 27 Reg.to di esecuzione UE n. 2447/2015,...

CERTIFICATO DI ORIGINE DIGITALIZZATO PER IMPORTAZIONE DI POLLAMI DAL BRASILE

CERTIFICATO DI ORIGINE DIGITALIZZATO PER IMPORTAZIONE DI POLLAMI DAL BRASILE

Con il Reg.to di esecuzione UE n. 567 del 14 febbraio 2024, la Commissione UE (siglato Ursula Von Der Leyen), ha stabilito che le importazioni di pollame dal Brasile vanno accompagnate dal certificato di origine commerciale emesso digitalmente (modello allegato XVII) in cui va indicato, nella casella...

CERTIFICAZIONE COMUNITARIA CHE IDENTIFICA LA QUALITA’ DEL LUPPOLO

CERTIFICAZIONE COMUNITARIA CHE IDENTIFICA LA QUALITA’ DEL LUPPOLO

Con il Reg.to di esecuzione UE n. 601 del 14 dicembre 2023, la Commissione UE, al fine di garantire l’identificazione zona di produzione e varietà, la tracciabilità e i requisiti minimi di qualità di ciascuna partita di luppolo e suoi derivati ottenuti all’interno...

ALIQUOTA ACCISA BIRRA DAL 1° GENNAIO 2024

ALIQUOTA ACCISA BIRRA DAL 1° GENNAIO 2024

ALIQUOTA ACCISA BIRRA DAL 1° GENNAIO 2024Con la Circolare n. 1 del 10 gennaio 2024, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha informato che l’aliquota accisa vigente per l’anno 2024, per la birra immessa in consumo è:• Per le fabbriche di birra:...

INTERESSE LEGALE ANNO 2024 2,5%

INTERESSE LEGALE ANNO 2024

INTERESSE LEGALE ANNO 2024Con l’Avviso del 29 novembre 2023, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha informato che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fissato al 2,5% l’interesse legale del 2024.Si prega di tenerne in considerazione anche per il ravvedimento...

DIGITALIZZAZIONE DELLA RICHIESTA E DEL RILASCIO DEI CERTIFICATI DI CIRCOLAZIONE EUR 1 – EUR MED – ATR

DIGITALIZZAZIONE DELLA RICHIESTA E DEL RILASCIO DEI CERTIFICATI DI CIRCOLAZIONE EUR 1 – EUR MED – ATR

DIGITALIZZAZIONE DELLA RICHIESTA E DEL RILASCIO DEI CERTIFICATI DI CIRCOLAZIONE EUR 1 – EUR MED – ATRIn ottemperanza con la Circolare dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del 28 ottobre 2020, le istruzioni tecnico-operative, per l’utilizzo della nuova procedura...

DIVIETO DI IMPORTAZIONE DI MICROPLASTICHE DI POLIMERI SINTETICI

DIVIETO DI IMPORTAZIONE DI MICROPLASTICHE DI POLIMERI SINTETICI

DIVIETO DI IMPORTAZIONE DI MICROPLASTICHE DI POLIMERI SINTETICI Il Reg.to UE nr. 2055 del 25 settembre 2023, ha modificato il Reg.to UE n. 1907/2006 allegato VII “Reach”, vietando l’immissione in consumo, cioè l’importazione definitiva, di microplastiche...

Tutte le news