ACCISE: UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

Le Aziende che intendono utilizzare alcole etilico denaturato con formula speciale diversa da quelle ammesse per legge dallo Stato, NC 22072000 S115, in usi industriali, che perverrebbe da fornitore italiano già denaturato, devono, prima di fare l’acquisto, chiedere un'autorizzazione e seguire una stretta procedura (TUA D. L.vo n. 504/95 art. 27, c. 3, lett. b) e DM n. 524/96 art. 2 c.1), come segue:

  1. Inviare PEC all’Ufficio delle dogane competente sul deposito con istanza di richiesta autorizzazione all’impiego, corredata da formulazione di denaturazione da autorizzare, su carta intestata, descrizione dell’impiego nel processo produttivo, uso e funzione che ne verrà dato;
  2. L’Ufficio delle dogane inoltra tale richiesta al Laboratorio della Direzione Antifrode dell’Agenzia Dogane di Roma, che esprime un parere tecnico vincolante scritto. Per essere autorizzati, i denaturanti proposti dalla Società utilizzatrice devono essere almeno due e garantire queste caratteristiche: rendere l’alcole etilico inadatto al consumo alimentare umano (dissuadere dall’ingestione)marcare (markers chimici) cioè essere difficilmente separabili con metodi chimici fisici (es. non devono essere facilmente eliminabili per ebollizione ad alte temperature, etc.);
  3. ll parere tecnico del Laboratorio è vincolante e, se sfavorevole, perché manca uno dei requisiti già menzionati, l’Ufficio delle dogane competente invia alla Società istante, UN PREAVVISO DI RIGETTO VIA PEC dell’istanza di autorizzazione del punto 1 e concede 10 giorni per presentare delle osservazioni scritte e proporre una ulteriore formulazione di denaturante in linea con i principi espressi nel parere tecnico.

In tal caso, sfavorevole, l’alcole etilico denaturato verrà acquistato con documento DAS ad accisa assolta e la Società deve richiedere la licenza accise per opificio/deposito/utilizzo ad imposta assolta, pagando le accise (tipo X).

Nel caso di parere favorevole alla formulazione proposta, l’alcole verrà acquistato con documento e-AD telematico, ad accisa esente e rilasciato il codice di destinatario registrato (tipo A) e probabilmente opificio/deposito (tipo X)

Come detto in premessa, le formulazioni e gli usi autorizzati per legge, li trovate nel DM 524/96 art. 2 comma 2 e 4. Ne consegue che l’uso della formulazione ammessa in un settore diverso da quello contemplato negli articoli innanzi detti, va soggetto alla procedura autorizzativa di cui si parla.

Consigliamo di prendersi per tempo. I nostri Uffici sono a disposizione per fornire assistenza.

Allegato DM n. 524/96 art. 2 Impiego alcole etilico denaturato speciale usi esenti da accisa

Per informazioni: Barbara Cecconato

Ultime News

NUOVE INDICAZIONI PER IL TRANSITO DOGANALE

NUOVE INDICAZIONI PER IL TRANSITO DOGANALE Il transito doganale è un regime speciale che permette, dietro idonea garanzia, di trasportare merci non unionali, sotto vigilanza doganale, da un punto all’altro dell’UE, in sospensione di dazi, oneri e misure di politica commerciale...

RIFORMA DEL CDU FORSE ENTRO IL 2026

RIFORMA DEL CDU FORSE ENTRO IL 2026

Il Gruppo dei Saggi, (WPG) incaricato dalla Commissione UE e il Parlamento UE, stanno lavorando, anche alla riforma del codice doganale unionale.I progetti in arrivo sono: Entro il 02/12/2024, completamento di AES (Authomated Export Systems) e NCTS fase 5, con definitivo passaggio ai nuovi data set...

RIFORMA DELLA NORMATIVA DOGANALE NAZIONALE

RIFORMA DELLA NORMATIVA DOGANALE NAZIONALE

Il 26 marzo 2024, sono state approvate, in prima lettura dal Consiglio dei Ministri, ora in attesa dell’esame del Parlamento, le disposizioni nazionali complementari al CDU.Il nuovo corpus normativo ha l’obiettivo di riallineare la normativa nazionale a quella unionale e sostituirà...

ACCISE: PRODOTTI DELLA CHIMICA SOTTOPOSTI A VIGILANZA FISCALE

PRODOTTI DELLA CHIMICA SOTTOPOSTI A VIGILANZA FISCALE

I prodotti della chimica, qualificabili come energetici perché:• identificati da una nomenclatura combinata dell’art. 21 c. 1 del Testo Unico Accise; • da analisi del campione presso il laboratorio chimico dell’Ufficio delle dogane, con presenza di un...

CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

Nuova terminologia:Emittente autorizzato: società che chiede l’emissione di un documento T2L/T2LF (ex documento CO 3), emesso per merce nazionalizzata, in libera pratica, è un documento che non abbisogna di garanzia, per spedizioni v/territori fiscali speciali dell’UEACP:...

ACCISE: UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

Le Aziende che intendono utilizzare alcole etilico denaturato con formula speciale diversa da quelle ammesse per legge dallo Stato, NC 22072000 S115, in usi industriali, che perverrebbe da fornitore italiano già denaturato, devono, prima di fare l’acquisto, chiedere un'autorizzazione...

ACCISE: ADEMPIMENTI UTILIZZATORE DI FOSFORO ROSSO AD USI PRODUTTIVI

ACCISE: ADEMPIMENTI UTILIZZATORE DI FOSFORO ROSSO AD USI PRODUTTIVI

La Legge dell’8 agosto 1895, ancora in vigore, prevede un controllo da parte dell’Ufficio delle dogane su chi utilizza il fosforo rosso amorfo, per la produzione di fiammiferi o altri usi produttivi, come ad esempio nella produzione di lampade. Questa normativa è solo nazionale. L’azienda...

NORME E DIVIETI IMMISSIONI SOSTANZE CHE RIDUCONO LO STRATO DI OZONO

NORME E DIVIETI IMMISSIONI SOSTANZE CHE RIDUCONO LO STRATO DI OZONO

Il Reg.to UE del Consiglio n. 590 del 7 febbraio 2024 (pubblicato nella GUUE L 20/02/2024) ha sostituito il Reg.to CE n. 1005/2009 e si applica in produzione, importazione, esportazione, immissione nel mercato, stoccaggio, riciclo di prodotti nocivi per l’ozono indicati negli allegati I e II...

Tutte le news