LA e-CMR ELETTRONICA ARRIVA IN ITALIA ENTRO IL 2024

LA e-CMR ELETTRONICA ARRIVA IN ITALIA ENTRO IL 2024

I nostri Uffici hanno partecipato ad un interessante Seminario dell'UfficioTrasporti di Confindustria Veneto Est, lo scorso 27 febbraio 2024, in cui è sono state fornite indicazioni sull’autotrasporto internazionale di merci: documenti e controlli su strada.
E’ stato informato che la lettera di vettura digitale per l'autotrasporto merci, la cosiddetta e-CMR dovrà diventare operativa a breve, sostituendo la forma cartacea e, ci si augura, risolvendo i problemi di compilazione.
La lettera di vettura CMR, dal francese Convention des Marchandises par Route, è una convenzione firmata a Ginevra il 19 maggio 1956, disciplina il contratto internazionale di trasporto su strada, a titolo oneroso, dove i luoghi di arrivo o partenza sono diversi, di cui almeno uno fa parte dei Paesi che hanno ratificato la Convenzione CMR.
L’art. 4 della Convenzione afferma che la CMR è il documento di prova del sottostante contratto di trasporto.
È un documento in forma libera: ha dei dati obbligatori (generalità del mittente, del vettore, luogo di ricevimento, di riconsegna, generalità del destinatario, descrizione delle merci, colli, qualità, peso, costi del trasporto, informazioni doganali, il trasporto è sempre disciplinato dalla Convenzione).
La Legge n. 298/1974, all’art. 46 sanziona l’abusivismo dei vettori esteri con ammenda di 4.300 € e fermo amministrativo del mezzo, in caso vengano fermati dalla Polizia Stradale, durante i controlli su strada e non siano in possesso della licenza opportuna per effettuare il trasporto comunitario o internazionale (la fotocopia non è ammessa) e nelle modalità esposte durante il Seminario.
Inoltre, l’art. 46-ter controlli documentali su strada:
• al comma 1: sanziona l’irregolarità nella tenuta del documento CMR con sanzione di 400 € qualora il documento esista, ma non sia nel possesso del trasportatore nel momento del controllo su strada;
• al comma 2: sanzione amministrativa 2.000€ se il documento esiste ma non è correttamente compilato e si riesce a ricostruire la relazione di traffico tra compratore e venditore, titolo autorizzativo del trasporto, nella CMR va messo il timbro del sub-vettore;
Il problema in merito alla compilazione della CMR e le possibili sanzioni, si pone per l’azienda esportatrice quando vende EXW/FCA e, sbagliando, inserisce la propria ragione sociale nel campo 1 e 22 della CMR, figurando come mittente del contratto di trasporto, esponendosi a rischi che non le competono.
Ne consegue che la CMR dovrebbe arrivare già compilata dal compratore UE o extra UE.
Se nell’operatività, questo anche insistendo e spiegando, non si realizza, sono stati gentilmente forniti dall’Ufficio Trasporti di Confindustria una comunicazione da trasmettere al cliente per spiegare come va correttamente compilata la CMR e due mandati con procura da farsi dare dal cliente extra UE per autorizzare l’azienda alla compilazione.

Speriamo di fare cosa utile nel metterli a disposizione.

Comunicazione da trasmettere al cliente in caso di resa ex works

Mandato con procura singola vendita

Mandato con procura più operazioni

Lettera di vettura CMR editabile

Ultime News

NUOVE INDICAZIONI PER IL TRANSITO DOGANALE

NUOVE INDICAZIONI PER IL TRANSITO DOGANALE Il transito doganale è un regime speciale che permette, dietro idonea garanzia, di trasportare merci non unionali, sotto vigilanza doganale, da un punto all’altro dell’UE, in sospensione di dazi, oneri e misure di politica commerciale...

RIFORMA DEL CDU FORSE ENTRO IL 2026

RIFORMA DEL CDU FORSE ENTRO IL 2026

Il Gruppo dei Saggi, (WPG) incaricato dalla Commissione UE e il Parlamento UE, stanno lavorando, anche alla riforma del codice doganale unionale.I progetti in arrivo sono: Entro il 02/12/2024, completamento di AES (Authomated Export Systems) e NCTS fase 5, con definitivo passaggio ai nuovi data set...

RIFORMA DELLA NORMATIVA DOGANALE NAZIONALE

RIFORMA DELLA NORMATIVA DOGANALE NAZIONALE

Il 26 marzo 2024, sono state approvate, in prima lettura dal Consiglio dei Ministri, ora in attesa dell’esame del Parlamento, le disposizioni nazionali complementari al CDU.Il nuovo corpus normativo ha l’obiettivo di riallineare la normativa nazionale a quella unionale e sostituirà...

ACCISE: PRODOTTI DELLA CHIMICA SOTTOPOSTI A VIGILANZA FISCALE

PRODOTTI DELLA CHIMICA SOTTOPOSTI A VIGILANZA FISCALE

I prodotti della chimica, qualificabili come energetici perché:• identificati da una nomenclatura combinata dell’art. 21 c. 1 del Testo Unico Accise; • da analisi del campione presso il laboratorio chimico dell’Ufficio delle dogane, con presenza di un...

CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

Nuova terminologia:Emittente autorizzato: società che chiede l’emissione di un documento T2L/T2LF (ex documento CO 3), emesso per merce nazionalizzata, in libera pratica, è un documento che non abbisogna di garanzia, per spedizioni v/territori fiscali speciali dell’UEACP:...

ACCISE: UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

Le Aziende che intendono utilizzare alcole etilico denaturato con formula speciale diversa da quelle ammesse per legge dallo Stato, NC 22072000 S115, in usi industriali, che perverrebbe da fornitore italiano già denaturato, devono, prima di fare l’acquisto, chiedere un'autorizzazione...

ACCISE: ADEMPIMENTI UTILIZZATORE DI FOSFORO ROSSO AD USI PRODUTTIVI

ACCISE: ADEMPIMENTI UTILIZZATORE DI FOSFORO ROSSO AD USI PRODUTTIVI

La Legge dell’8 agosto 1895, ancora in vigore, prevede un controllo da parte dell’Ufficio delle dogane su chi utilizza il fosforo rosso amorfo, per la produzione di fiammiferi o altri usi produttivi, come ad esempio nella produzione di lampade. Questa normativa è solo nazionale. L’azienda...

NORME E DIVIETI IMMISSIONI SOSTANZE CHE RIDUCONO LO STRATO DI OZONO

NORME E DIVIETI IMMISSIONI SOSTANZE CHE RIDUCONO LO STRATO DI OZONO

Il Reg.to UE del Consiglio n. 590 del 7 febbraio 2024 (pubblicato nella GUUE L 20/02/2024) ha sostituito il Reg.to CE n. 1005/2009 e si applica in produzione, importazione, esportazione, immissione nel mercato, stoccaggio, riciclo di prodotti nocivi per l’ozono indicati negli allegati I e II...

Tutte le news