CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

Nuova terminologia:
Emittente autorizzato: società che chiede l’emissione di un documento T2L/T2LF (ex documento CO 3), emesso per merce nazionalizzata, in libera pratica, è un documento che non abbisogna di garanzia, per spedizioni v/territori fiscali speciali dell’UE
ACP: customs decisions di emittente autorizzato per poter emettere tale documento unionale elettronico;
Registrazione e convalida: processo di rilascio della prova o attestazione della posizione unionale della merce in cui è coinvolto l’Ufficio delle Dogane;
POUS (Proof of Union Status): sistema elettronico unionale che, dal 1°marzo 2024, permette di generare il documento;
CDC: sistema centralizzato di analisi dei rischi del controllo doganale.

Con la Circolare n. 7 del 27 marzo 2024, il Direttore Centrale dell’Agenzia delle Dogane di Roma, specifica quali sono i controlli e gli adempimenti a carico dei funzionari alla convalida del documento T2L/T2LF, in attesa di una futura interconnessione con il sistema di analisi unionale dei rischi CDC.

La valutazione del controllo al momento della convalida/registrazione rientra nell’autonomia decisionale del funzionario doganale che gestisce l’operazione.
I controlli all’atto della partenza, salvo diversa indicazione del Direttore dell’Ufficio, debbono essere disposti solo in presenza di specifiche segnalazioni di altri soggetti istituzionali agli atti dell’Ufficio.
I controlli possono essere:

  • documentale: nei dati indicati T2L e T2LF (es. errori sui documenti riscontri dal funzionario). I documenti richiesti possono essere caricati tramite POUS oppure inviati a mezzo e-mail al funzionario;
  • controllo fisico delle merci.

Le aziende che si avvalgono dei servizi di CAD EUROPA e CONSULSPED, non devono fare nulla.

Le altre, che si vogliono regolarizzare, devono presentare la customs decitions ACP:
• Art. 22, par. 1 CDU: l’Ufficio delle dogane competente a ricevere la domanda per la qualifica di emittente autorizzato è quello sito nel luogo in cui è tenuta o accessibile la contabilità principale del richiedente ai fini doganali e in cui sono eseguite una parte delle operazioni di esportazione e transito;
• L’autorizzazione ACP rilasciata dall’Ufficio doganale competente ha validità nazionale e indica le prescrizioni necessarie per il rispetto delle specifiche indicate nell’art. 128, nuovo par. 3 ter RD:
o le scritture, ai fini del controllo, vanno conservate per almeno tre anni,
o i criteri adottati dall’emittente autorizzato per stabilire l’utilizzo corretto delle prove;
o il termine e le modalità dei controlli.
Ai fini dichiarativi, si realizzano due documenti diversi: l’esportazione con tracciato B4 e codice CO e il T2L/T2LF con l’attestazione POUS della posizione unionale delle merci: l’MRN del messaggio B4 viene indicato nel POUS e poi l’MRN del T2L/T2LF e il relativo documento elettronico, viene chiuso all’atto della destinazione, entro 90 giorni. L’Azienda può chiedere di approvare un periodo più lungo, che può essere accettato o rifiutato.
Il sistema POUS da indicazione del tempo utile per lo svolgimento dei controlli da parte del funzionario doganale, scaduto il quale il T2L/T2LF è automaticamente registrato senza ulteriori interventi.

Per informazioni: Fabio Cosi

Ultime News

NUOVE INDICAZIONI PER IL TRANSITO DOGANALE

NUOVE INDICAZIONI PER IL TRANSITO DOGANALE Il transito doganale è un regime speciale che permette, dietro idonea garanzia, di trasportare merci non unionali, sotto vigilanza doganale, da un punto all’altro dell’UE, in sospensione di dazi, oneri e misure di politica commerciale...

RIFORMA DEL CDU FORSE ENTRO IL 2026

RIFORMA DEL CDU FORSE ENTRO IL 2026

Il Gruppo dei Saggi, (WPG) incaricato dalla Commissione UE e il Parlamento UE, stanno lavorando, anche alla riforma del codice doganale unionale.I progetti in arrivo sono: Entro il 02/12/2024, completamento di AES (Authomated Export Systems) e NCTS fase 5, con definitivo passaggio ai nuovi data set...

RIFORMA DELLA NORMATIVA DOGANALE NAZIONALE

RIFORMA DELLA NORMATIVA DOGANALE NAZIONALE

Il 26 marzo 2024, sono state approvate, in prima lettura dal Consiglio dei Ministri, ora in attesa dell’esame del Parlamento, le disposizioni nazionali complementari al CDU.Il nuovo corpus normativo ha l’obiettivo di riallineare la normativa nazionale a quella unionale e sostituirà...

ACCISE: PRODOTTI DELLA CHIMICA SOTTOPOSTI A VIGILANZA FISCALE

PRODOTTI DELLA CHIMICA SOTTOPOSTI A VIGILANZA FISCALE

I prodotti della chimica, qualificabili come energetici perché:• identificati da una nomenclatura combinata dell’art. 21 c. 1 del Testo Unico Accise; • da analisi del campione presso il laboratorio chimico dell’Ufficio delle dogane, con presenza di un...

CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

CONTROLLI DOGANALI SUI DOCUMENTI ELETTRONICI T2L/T2LF

Nuova terminologia:Emittente autorizzato: società che chiede l’emissione di un documento T2L/T2LF (ex documento CO 3), emesso per merce nazionalizzata, in libera pratica, è un documento che non abbisogna di garanzia, per spedizioni v/territori fiscali speciali dell’UEACP:...

ACCISE: UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

UTILIZZO DI ALCOLE ETILICO DENATURATO, USI INDUSTRIALI, AD ACCISA ESENTE (DM 524/96 art. 2)

Le Aziende che intendono utilizzare alcole etilico denaturato con formula speciale diversa da quelle ammesse per legge dallo Stato, NC 22072000 S115, in usi industriali, che perverrebbe da fornitore italiano già denaturato, devono, prima di fare l’acquisto, chiedere un'autorizzazione...

ACCISE: ADEMPIMENTI UTILIZZATORE DI FOSFORO ROSSO AD USI PRODUTTIVI

ACCISE: ADEMPIMENTI UTILIZZATORE DI FOSFORO ROSSO AD USI PRODUTTIVI

La Legge dell’8 agosto 1895, ancora in vigore, prevede un controllo da parte dell’Ufficio delle dogane su chi utilizza il fosforo rosso amorfo, per la produzione di fiammiferi o altri usi produttivi, come ad esempio nella produzione di lampade. Questa normativa è solo nazionale. L’azienda...

NORME E DIVIETI IMMISSIONI SOSTANZE CHE RIDUCONO LO STRATO DI OZONO

NORME E DIVIETI IMMISSIONI SOSTANZE CHE RIDUCONO LO STRATO DI OZONO

Il Reg.to UE del Consiglio n. 590 del 7 febbraio 2024 (pubblicato nella GUUE L 20/02/2024) ha sostituito il Reg.to CE n. 1005/2009 e si applica in produzione, importazione, esportazione, immissione nel mercato, stoccaggio, riciclo di prodotti nocivi per l’ozono indicati negli allegati I e II...

Tutte le news