Incoterms 2010 e trasporto internazionale

Incoterms 2010 e trasporto internazionale

Area di appartenenza
Descrizione

Nel commercio internazionale è decisamente preferibile utilizzare gli 11 termini Incoterms: ogni termine prevede obbligazioni chiare, sia per il venditore che per l’esportatore.

Sbagliare o mal interpretare il termine di resa, significa mettere le basi per problemi futuri come: un successivo mancato pagamento, contestazioni tra venditore e acquirente in caso di spese non previste o danni alla merce viaggiante.

A quali domande risponde

Il primo passo per vendita / acquisto in un mercato estero è la predisposizione di un’offerta: non basta inserire il costo del prodotto si deve stabilire anche il termine di resa della merce: “franco fabbrica”, “franco destino”, ecc.

È sufficiente tradurre questi termini in inglese? Assolutamente no.

A chi si rivolge Uffici commerciale, legale, spedizione, amministrativo di aziende che commerciano con l’estero.
Durata 4 ore
Programma del corso
  1. Potere vincolante degli Incoterms.

  2. Cosa disciplinano e cosa non disciplinano gli Incoterms.

  3. I singoli termini – pro e contro in base al tipo di operazione:

    • EXW - Ex Works;

    • FCA - Free Carrier; FAS - Free Alongside Ship; FOB - Free On Board;

    • CFR - Cost and Freight; CIF - Cost, Insurance and Freight, CPT - Carriage Paid To; CIP - Carriage and Insurance Paid;

    • DAT - Delivered At Terminal (new); DAP - Delivered At Place (new); DDP - Delivered Duty Paid.

  4. Altri termini di resa a livello internazionale: le Trade Definitions americane; stesse sigle, ma significato diverso.
  5. Le ripercussioni degli Incoterms sugli aspetti commerciali, sulle formalità doganali e sul pagamento della fornitura.
  6. La giurisprudenza italiana sugli Incoterms.
  7. Il contratto di trasporto e il contratto di spedizione.
  8. Tipologia e compilazione dei documenti di trasporto internazionale: CMR, CIM, AWB, MAWB, HAWB, Bill of lading, Sea waybill, FCR, ecc.
  9. Limiti vettoriali al risarcimento in base alla tipologia di trasporto.
  10. Condizioni di nolo: PAL, FAS, FIO, Free In, Free Out.
  11. Normativa CEMT, la Licenza Comunitaria e il cabotaggio.
  12. Il trasporto internazionale: la responsabilità del vettore, del mittente, del caricatore e del proprietario delle merci.

Maggiori informazioni

Contattaci per richiedere maggiori informazioni sui nostri corsi dell'Area Trasporti e sulle modalità di iscrizione.

  Richiedi informazioni

Consulta l'elenco dei corsi dell'area trasporti
 Elenco corsi

Ultime News

CONTROLLI SUL MATERIALE DA IMBALLAGGIO IN LEGNO PROVENIENTE DA BIELORUSSIA, CINA, CINA, INDIA

Con il Reg.to di esecuzione UE n. 288 del 18 gennaio 2024, GUUE L19 gennaio 2024, la Commissione UE (siglato Ursula Von Der Leyen), ha stabilito di mantenere la frequenza dei controlli fitosanitari sugli imballaggi di legno utilizzati per sostenere, proteggere o trasportare i prodotti, la cui NC è...

MANTENIMENTO DEGLI STANDARD PRATICI DI COMPETENZA PER RQD AI FINI AEO

MANTENIMENTO DEGLI STANDARD PRATICI DI COMPETENZA PER RQD AI FINI AEO

Con la Circolare n. 6 del 14 febbraio 2024, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (siglata Arturo Olivieri) specifica che l’attività formativa di aggiornamento degli standard pratici di competenza è obbligatoria (art. 27 Reg.to di esecuzione UE n. 2447/2015,...

CERTIFICATO DI ORIGINE DIGITALIZZATO PER IMPORTAZIONE DI POLLAMI DAL BRASILE

CERTIFICATO DI ORIGINE DIGITALIZZATO PER IMPORTAZIONE DI POLLAMI DAL BRASILE

Con il Reg.to di esecuzione UE n. 567 del 14 febbraio 2024, la Commissione UE (siglato Ursula Von Der Leyen), ha stabilito che le importazioni di pollame dal Brasile vanno accompagnate dal certificato di origine commerciale emesso digitalmente (modello allegato XVII) in cui va indicato, nella casella...

CERTIFICAZIONE COMUNITARIA CHE IDENTIFICA LA QUALITA’ DEL LUPPOLO

CERTIFICAZIONE COMUNITARIA CHE IDENTIFICA LA QUALITA’ DEL LUPPOLO

Con il Reg.to di esecuzione UE n. 601 del 14 dicembre 2023, la Commissione UE, al fine di garantire l’identificazione zona di produzione e varietà, la tracciabilità e i requisiti minimi di qualità di ciascuna partita di luppolo e suoi derivati ottenuti all’interno...

ALIQUOTA ACCISA BIRRA DAL 1° GENNAIO 2024

ALIQUOTA ACCISA BIRRA DAL 1° GENNAIO 2024

ALIQUOTA ACCISA BIRRA DAL 1° GENNAIO 2024Con la Circolare n. 1 del 10 gennaio 2024, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha informato che l’aliquota accisa vigente per l’anno 2024, per la birra immessa in consumo è:• Per le fabbriche di birra:...

INTERESSE LEGALE ANNO 2024 2,5%

INTERESSE LEGALE ANNO 2024

INTERESSE LEGALE ANNO 2024Con l’Avviso del 29 novembre 2023, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha informato che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fissato al 2,5% l’interesse legale del 2024.Si prega di tenerne in considerazione anche per il ravvedimento...

DIGITALIZZAZIONE DELLA RICHIESTA E DEL RILASCIO DEI CERTIFICATI DI CIRCOLAZIONE EUR 1 – EUR MED – ATR

DIGITALIZZAZIONE DELLA RICHIESTA E DEL RILASCIO DEI CERTIFICATI DI CIRCOLAZIONE EUR 1 – EUR MED – ATR

DIGITALIZZAZIONE DELLA RICHIESTA E DEL RILASCIO DEI CERTIFICATI DI CIRCOLAZIONE EUR 1 – EUR MED – ATRIn ottemperanza con la Circolare dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del 28 ottobre 2020, le istruzioni tecnico-operative, per l’utilizzo della nuova procedura...

DIVIETO DI IMPORTAZIONE DI MICROPLASTICHE DI POLIMERI SINTETICI

DIVIETO DI IMPORTAZIONE DI MICROPLASTICHE DI POLIMERI SINTETICI

DIVIETO DI IMPORTAZIONE DI MICROPLASTICHE DI POLIMERI SINTETICI Il Reg.to UE nr. 2055 del 25 settembre 2023, ha modificato il Reg.to UE n. 1907/2006 allegato VII “Reach”, vietando l’immissione in consumo, cioè l’importazione definitiva, di microplastiche...

Tutte le news